Nella Malattia e nella Stupro: non sapeva che Suo Marito Potrebbe Anche Essere il Suo Stupratore

spousal rape' /

Debbie Ricker il corteggiamento con il suo ex-marito, Michael* iniziato, come molti rapporti. “L”ho incontrato in un ristorante,” ricorda. “Ero con un amico. Ha detto ciao, e ho finito per chiedergli se voleva mangiare con noi. Sembrava bello”.

Che non durano a lungo. Entro due mesi, Michael chiesto Ricker di andare a vivere con lui. Sembrava veloce, ma ora il 60-year-old da Los Alamitos, in California, è stata svolta il 30 e sperando di avere dei bambini.

“Ero solo,” dice. “Lui è diventato sempre più critico, ma ho avuto un padre violento, quindi questo era familiare. A quel tempo, non avevo mai nemmeno sentito parlare di abuso verbale.”

Così si sono sposati. Ricker dice Michael tentativi di controllare il suo è diventato più frequente e pronunciato dopo la loro luna di miele. Un mese dopo si sono sposati, lei è rimasta incinta e Michael ha detto che ha dovuto abortire il bambino. Ma Ricker aveva sempre voluto dei figli, così lei gli ha detto di no.

Michael è stata di poco aiuto quando Ricker è andato di nuovo a lavoro, appena un mese dopo il parto; lavorava come ingegnere elettronico, e lei come una cura della salute mentale consulente per gli ospedali e le altre strutture.

“Lui non mi aiuta con la [nostra figlia] o nulla intorno alla casa, ma [avrebbe] dimmi tutto quello che stavo facendo male”, spiega. “Ero così esausta.”

Lui mi avrebbe detto che ero un “orribile moglie”, perché mi ha fatto sentire sporca per “fare l”amore” per me.

Ricker ricorda guardando una notizia di una notte di una madre con la depressione post-partum che aveva ferito il suo bambino. “La stanchezza mi ha fatto pensare, “Potrei fare qualcosa di simile?”” Ricker dice. Ha pianto e ha detto Michael circa il delirio della sua stanchezza e il dolore di quei pensieri, ma è rimasto lontano.

Non fare sesso per un paio di mesi dopo la nascita della loro figlia, ma alla fine Michael ha detto Ricker che egli è “di proprietà” del suo corpo. “Ha detto che, perché ci siamo sposati, lui poteva fare quello che voleva.” dice.

Quando Michael ha iniziato lo stupro di Ricker, lei non si rende conto che la violenza sessuale può esistere tra un marito e una moglie. “Lui si svegliava la mattina successiva e rimproverare me”, ricorda lei. “Lui mi avrebbe detto che ero un “orribile moglie”, perché mi ha fatto sentire sporca per “fare l”amore” per me.”

Lo Stupro Che Non è Stupro”

È difficile sapere quanto sia comune la violenza da partner in realtà, dice il consigliere e psicologo Karla Ivankovich, Dottorato di ricerca. “Ci sono solo pochi studi che sono stati condotti, che rapporto ovunque da 10 a 30 per cento occorrenza [intime relazioni con i partner, escludendo LGBT],” spiega. “Circa il 30 per cento di tutti gli stupri commessi sono commessi dal marito, fidanzato o altro significativo. Se la violenza domestica è accoppiato con esso, la possibilità di stupro salto al 70 per cento”.

Una delle difficoltà nel riportare le statistiche è che molte persone non si rendono conto che lo stupro coniugale è stupro. “Fino al 1993, durante la maggior parte degli Stati uniti, non era illegale per forza un rapporto sessuale sul vostro coniuge,” dice il Dr. Ivankovich. “In particolare, le leggi esclusi il coniuge come un autore, quando si definisce il verificarsi di un caso di stupro.”

Il melting pot di culture e religioni a livello nazionale sono un”altra sfida quando si tratta di chiarire cosa s”intenda per stupro. “Non è possibile chiudere il ruolo dell”educazione e credenze,” Ivankovich insiste. “In alcune culture, si è comunque ammessa per forza di impegnarsi in attività sessuali con il coniuge — e per molti, che cosa succede dietro le porte chiuse in un matrimonio soggiorni a porte chiuse.”

Il Bottino di Sponsale Stupro

Ricker dice che suo marito l”ha violentata quattro volte, ma il trauma sia fisico e mentale, è incommensurabile.

Ricker andata dal ginecologo per una visita di controllo dopo uno di stupri. “Lei mi ha chiesto se avevo avuto rough sex”, racconta. “Ho pensato, “Ruvida sesso? Perché dovrei avere rough sex?”” Le lesioni sono il risultato di una forte penetrazione durante lo stupro. “In realtà ho dovuto avere un intervento chirurgico per riparare il danno fatto,” Ricker dice.

E poi c”era il suo secondo figlio. “Mio figlio è stato concepito al di fuori di uno di questi stupri”, dice. “Interferiva con la mia capacità di legame con lui quando era nato.”

Accettare che lei è stata violentata era facile per Ricker. Un terapeuta che ha attirato la sua attenzione a scollegare aveva con suo figlio come un bambino.

Ivankovich dice “salute mentale fall-out” dalla violenza sessuale tra i partner intimo è molto significativo. “Depressione, ansia, PTSD è il nome, si vedrà”, dice. “Questo è ancora stupro, in modo che tutti le stesse cose che ci si aspetta di provare, dopo lo stupro, una persona si sente anche qui.”

Chiedere a qualcuno che è stato in un rapporto abusivo loro colore preferito, quello che piace fare per divertimento, non hanno idea di più.

Ricker matrimonio con Michael durò solo quattro anni, ma è scattata molti, molti più anni rispetto a quella di annullare il danno. Non ha mai formalmente lo ha accusato di stupri perché non aveva fiducia sua compostezza in tribunale e non vuoi perdere i suoi figli.

“I giudici ottenere 13 minuti per sentire un caso”, dice. “Molte madri che vorresti ottenere isterica, mentre l”aggressore sarebbe stato bello, molto tranquilla, e spesso il più grande capofamiglia.” Per sette anni, suo marito aveva il 50% di custodia dei loro figli, ma Ricker ha trascorso 16 anni e $126,000 in lotta per mantenere la sua.

Ricker è stata sollevata Cristiana, e anche se lei si allontanò per un momento, ha osato la sua fede e le proprie condizioni. “Il mio rapporto con Dio è quello ottenuto me,” dice. “Finalmente ho raggiunto un senso di comprensione su ciò che è accaduto, dal mio punto di vista. Mi ci sono voluti molti anni per arrivare qui.”

Anche se i suoi figli sono cresciuti e il suo rapporto con Michael è lunga oltre, la sua esperienza con l”abuso non è finito. Oggi, dirige un gruppo di sostegno per donne che sono state in relazioni abusive — e Ricker dice che è stato benefico per lei, come per le donne aiuta.

“Ho imparato che tutti noi condividono tratti comuni”, dice. “Abbiamo un complesso di Cenerentola, dove si pensa che tutto andrà bene se dobbiamo solo aspettare fuori. Non siamo bravi a mantenere i confini. Siamo troppo amorevole e compassionevole, e si scusa per il cattivo comportamento. Siamo molto ingenuo e hanno una bassa autostima. Abbiamo perso quel senso di sé. Chiedere a qualcuno che è stato in un rapporto abusivo loro colore preferito, quello che piace fare per divertimento, non hanno idea di più.”

Se siete in un rapporto abusivo o stato vittima di un sponsale stupro, è possibile chiamare il servizio Nazionale di violenza Sessuale Hotline al 800-656-SPERANZA (4673) o chat online online.rainn.org oltre al National Domestic Violence Hotline al 800-799-7233 per l”accesso agli avvocati e assistenza 24/7.

*Il nome è stato cambiato

Lascia un commento