Ho Paura che il Mio Ragazzo di Papà

Leggi di Chloe precedente post qui.

Ho odiato Vic genitori. Erano snob. Diritto. Hanno avuto cinque case, un secolo di ricchezza dietro di loro, e che l”impostazione nozioni che il loro figlio di data e di ciò che dovrebbe essere. Hanno voluto una moglie, qualcuno lucido e perfetto, qualcuno che avrebbe dote il loro figlio e si affacciano i suoi difetti. Mi sono brevi. In particolare a sua madre. Suo padre… beh. Da non dimenticare, caro blog, che non si sa tutti i miei segreti. Non sai cosa avevo così paura avrebbe colpito la stampa dopo la mia foto con Joey Plazen emerse. Lo scandalo di quell”estate negli Hamptons. Prima dei miei genitori poveri scelte oscurato tutto e affogato il mio dramma in una tempesta di merda di loro.

Vic padre è una versione più grande di Vic. Egli pavoneggiandosi. Egli domina. Egli comanda. Pensa che è titolare di persone, perché ha il controllo finanziario mezzi di sussistenza. Lui spinge le persone pulsanti di vederli saltare e giocattoli con la vita per il puro divertimento di tutti. E non gli importa se c”è un danno collaterale lungo la strada. Anche se non interessa a lui. Anche se colpisce il suo figlio.

Non è che avevo paura di lui. Ero solo intimidito. E Vic non ha aiutato. Per la prima volta, era stato nervoso e sul bordo. Voleva l”approvazione di suo padre così male; mi ha voluto passare il test. Suo padre sembrava più grande della vita quando aveva progredito in tre piani greatroom, l”Oceano Atlantico frizzante, attraverso le finestre, dietro di me, tutto nella stanza perfettamente situato per la sua grande entrata, per l”impatto che Victor fatto Pena quando ha incontrato qualcuno. Sembrava che la terra tremò quando camminava. Sembrava che, fisicamente, si è ridotto quando si avvicinò. Lui tese una mano e sorrise, e ho sentito tirare … la stessa che ho avuto con Vic … e impotente mettere la mia mano.

“Bella”. I suoi occhi trascinato su di me, la sua bocca incurvarsi in un sorriso, denti bianchi, proiettati a me come zanne, la sua mano forte nella sua stretta. “Sei assolutamente bellissima Chloe.”

Avevo 19 anni. Non so. Non sapevo cosa guardare fuori per. Quando Vic corse fuori dalla macchina e suo padre mi tirò più vicino, contro il suo corpo, con la mano a coppa dietro la mia testa, non sapevo che cosa non fare. Ero innamorato e fuori dal mio elemento, e non ho avuto la forza di sapere che avevo una voce e di una mente, e ho potuto usare sia in qualunque modo mi voleva. Dovrei avere lo spinse via. Non avrei dovuto lasciare che lui mi bacia. Mi ha baciato come se io non sono una scelta, come io ero il suo campione, e rimasi lì e lasciare che accada.

Vorrei poter dire che sono stato il motivo per cui abbiamo smesso. Ma non ho ancora farlo. Claudia Jennison, Hampton socialite con una bocca grande come il suo seno, lei entrò e mi ha spinto via, a ridere e il suo sorriso, i suoi occhi giocosamente su di me. E quando mi girai dall”altra parte, Claudia gli occhi erano su di me. E tutti negli Hamptons sapeva di sera, e la storia era cresciuto, tutti convinti che lo avvitando sia Victor Meriti.

Io sono stato stupido. E si è fatto esplodere su di me. Ma mi ha anche insegnato, mi ha reso più forte. Mi ha reso la persona che sono oggi — uno che può stare in piedi per se stessa e spingerlo indietro.

“Pronto?” Carter ha chiesto, il taxi di fermarsi, la sua mano raggiungere oltre e presa la mia.

Ero pronto? Per conoscere i suoi genitori?

Dopo Vic, questo sarebbe un pezzo di torta.

E ovviamente mi sbagliavo.

Lascia un commento