Cosa dovrei Chiamare il Mio Papà Ex-Fidanzato? Una Donna Moderna Dilemma.

Quando mio padre mi ha introdotto a Dale, era il 1990 e ho 11 anni.

Non avevo mai visto mio padre in settimane perché sarei stato “in viaggio per affari”, così quando il suo volto è venuto attraverso la porta, ero euforico. C”era il suo papà baffi e il suo papà gli occhiali — e sotto di loro, uno sguardo di sorpresa.

“Non sapevo che eri qui,” disse nervosamente. “Ho cinque minuti per prendere un paio di cose e tornare al lavoro.” Egli balzò fuori dei miei genitori da letto, lasciandomi sola con il suo nuovo amico Dale.

Dale era così alto la testa quasi toccava il soffitto. “Io lavoro con tuo padre!”, mi ha detto di riempire il silenzio.

“Ha portato quell”uomo in casa nostra?”

Presto il mio papà è tornato con una pila di coperte e una piccola TV. “Perché stai prendendo la TV?” Ho chiesto.

“Sto spendendo troppo denaro su hotel,” ha detto, “così sto diventando un appartamento con Dale.” Prima di trovare le parole per chiedere, erano entrambi a metà strada fuori dalla porta. “Ti chiamo più tardi, tesoro.”

Dale le sorrise e la salutò addio. Sembrava sicuro di cosa fare.

Di solito i figli del divorzio chiamare i loro nuovi membri della famiglia loro così come matrigna e patrigno. Ma dal momento che mio padre e il suo ragazzo potrebbe mai sposare, o addirittura essere completamente aperti circa il loro rapporto, non ho mai saputo cosa chiamata Dale. E, in qualche modo, ancora non ho un dilemma moderno per i figli di genitori con non normalizzato di partnership.

Questa ambiguità è iniziato dal giorno in cui ho incontrato la prima volta: Quando ho detto a mia mamma che il papà l”avevano con Dale, lei strinse i denti. “Ha portato quell”uomo in casa nostra?”

“Che l”uomo” è stato quello che è rimasto con me — un lungo termine che vorrei sentire sussurrò tra i membri della famiglia per i prossimi 10 anni, anche come Dale assunto un posto importante nella mia vita.

Non ho mai saputo cosa chiamata Dale. E, in qualche modo, ancora non ho.

Quando i miei amici mi hanno chiesto che Dale è stato, spesso mi ha detto che era di mio papà compagno di stanza (vero), ma come un membro della famiglia (anche vero). Ho anche detto a mia mamma un giorno, “io amo Dale. E ” come avere due papà.”

Lei ribolliva. “Si può chiamare Dale “papà”, ma non Monty?” Monty era il suo nuovo fidanzato mi ha voluto chiamare “papà”, ma non ho resistito: mi sentivo come ho già avuto un papà. (Forse due).

Di scuola superiore, mi ero trasferita a vivere con mio padre e Dale a tempo pieno. Abbiamo vissuto in un labirinto di segreti — mi nascondendo il mio papà e Dale relazione alla mia famiglia, mio padre e Dale nascondere la loro relazione con il mondo, mi nascondendo il mio crescente rapporto padre e figlia con Dale da mio padre per paura che potrebbe diventare geloso.

Come il mio papà, Dale preparato la cena per me, mi abbracci e baci sulla guancia, e mi ha ascoltato lamentarsi scuola e fidanzati. Si sentiva, in un senso molto reale, come un padre.

Quando avevo circa 19 anni, il mio papà e Dale sembrava che stavano crescendo a parte. Sono venuto a casa dal college a Natale per scoprire che le cose non stavano migliorando. Entro la primavera, il mio papà spostato di nuovo al Texas senza Dale. Si era rotto.

Volevo rivolgermi a lui, ma non sapevo come. Non sapevo che il protocollo è stato per la figlia di qualcuno fidanzato, in particolare un ragazzo nessuno nella mia famiglia ha riconosciuto—e io non credo di essere da solo in che strano, pseudo-divorzio confusione.

Per quelli di noi che sono cresciuti in famiglie che sono stati trattati come sporchi segreti, che definisce le relazioni che il risultato è ancora una lotta, soprattutto quando fine. Ho 10 anni di vacanze, Natali, compleanni e lauree con qualcuno che non ha mai formalmente tenuto un posto nella mia famiglia, e che pone alcuna pretesa a qualsiasi tipo di titolo di convalidare il nostro rapporto e ci aiutano a rimanere in contatto anche quando si è conclusa.

Ho 10 anni di vacanze, Natali, compleanni e lauree con qualcuno che non ha mai formalmente tenuto un posto nella mia famiglia.

Certo, io non navigare bene: Durante i miei 20 anni, ho perso il contatto con Dale, sicuri di come anche gli indirizzi o articolare, e il cambiamento di “stato”, dato che lui e mio padre non erano più insieme. Ho anche sentito il bisogno di console di mio padre, per fargli vedere dove la mia lealtà laici.

Ma quando mi sono fidanzato, sono venuto a destra fuori e ha detto a mio padre che volevo Dale di essere al matrimonio. Non mi importava quanto tempo fosse passato. La mia vita crescendo era pieno di foto di tutti e tre di noi. Ho voluto uno di più: il mio papà e Dale mi cammina per il corridoio.

Quando ho finalmente chiamato lui, Dale sembrava esattamente lo stesso: il paziente e amorevole. Ero così arrabbiato con me stesso per non arrivare prima — avrei potuto usare anche lui nella mia vita tante volte.

Io penso che forse, troppo tempo era passato, o forse aveva integrato in troppo diverso, una vita ora, ma Dale poteva fare. Ero disperata. Allo stesso tempo, ho capito.

Un anno dopo, mio padre e sono andato a Miami per il matrimonio di mio cugino, e ho chiamato Dale per vedere se potevamo fargli visita in Sarasota. Ricordo distintamente il suono della sua voce quando disse: “Sì, mi piacerebbe”.

Dopo una mezz”ora di scorazzare per il parcheggio, ho visto una figura alta, camminando nella nostra direzione. È stato Dale. Mio padre si alzò per incontrare lui e lo abbracciò. E ” stato incredibilmente affermando per me vedere, soprattutto dopo tutti questi anni: Questa è stata la mia famiglia.

“Mi dispiace per il ritardo. Ho dovuto dire ai miei colleghi che mi stava lasciando,” ha detto. Quando hanno chiesto quanto tempo sarebbe fino a quando, tornato, Dale ha detto, “non so quando sarò di ritorno. Mia figlia è qui, oggi.”

Lascia un commento