Come ho Combattuto Attraverso la Depressione per Trovare l’Amore della Mia Vita

Danielle Hark

Quando Danielle Hark ha incontrato il suo attuale marito Adam, sono stati immediatamente attratti l’uno dall’altro, ma la sua depressione non diagnosticata impediva la datazione di lui. Ora il fondatore e direttore del faro Rotto, una fotografia collettiva per le persone affette da malattie mentali, Hark ha detto Cosmopolitan.com la storia di come hanno trovato la loro strada indietro all’un l’altro dopo tanti anni, e ora hanno una bella famiglia.

Adamo ed ho incontrato il primo giorno della nostra Ithaca College di orientamento nel 1998, quando avevo 17 anni e lui 18. Siamo stati nello stesso gruppo orientamento e diventa subito amici, quando abbiamo scoperto che eravamo entrambi dal nord del New Jersey. Solo poche settimane dopo che ci siamo incontrati, ha voluto iniziare la datazione, ma ho avuto un sacco di problemi con quello che ho realizzato in seguito sono stati di depressione e ansia. Mi era stata diagnosticata la sicurezza, quindi non sapevo cosa stava succedendo, ma sapevo che c’era molto da fare e mi sentivo come ho potuto essere in una relazione seria. Sapevo che se lui e ho avuto un rapporto, sarebbe grave perché mi importava di lui così tanto.

Pensava che fossi solo spazzolatura lui fuori dicendo che io non potevo stare con lui, perché ho avuto molti problemi, ma, veramente, mi sentivo come ho dovuto pulire la mia pasticcio prima di poter essere coinvolti con qualcuno. Siamo rimasti amici per circa un anno perché abbiamo ancora vissuto nello stesso college e aveva classi insieme, ma alla fine l’ho visto di meno e meno. Dopo il college, non ho visto di lui, per i prossimi quattro anni. Durante quel tempo, era in un quattro-anno-lunga relazione e io non avevo datato chi seriamente perché ero ancora così preoccupato con i miei ancora non diagnosticati problemi di salute mentale.

Ho passato davvero un periodo difficile, quando ho perso il mio papà per la SLA nel 2001 e che ha attivato un altro molto basso periodo per me. Ho capito che l’unica persona che volevo andare quando le cose erano difficili è stato Adam, ma non ci parlavamo in tre anni. Ho disegnato questa foto di lui in quel momento perché stavo pensando a lui così spesso:

Danielle Hark

Intorno a quel tempo, mi sono trasferito a Los Angeles per provare a scuotere io di un altro episodio depressivo. Adam era ancora in vita nel New Jersey, ma nei primi mesi del 2003, ha sentito parlare di un terremoto a Los Angeles e in qualche modo aveva sentito mi piacerebbe si trasferì in California, così ha chiamato per vedere se era OK. Il terremoto è stato davvero minori, ma è stato comunque molto dolce che ha curato abbastanza per chiamare e riconnettersi con me. Egli disse anche a me era venuta a Los Angeles per lavorare su un film e mi propose di venire a controllare il tiro. Ho scoperto poi che era solo una scusa per vederci.

Quando era arrivato a Los Angeles, ho preso l’aeroporto e lo ha portato a uno dei miei ristoranti preferiti, e siamo stati subito molto confortevole con l’altro come siamo sempre stati. Non ricordo come ho scoperto che non era più con la sua seria ragazza, ma sapevo che non era e sentivo che era giunto il momento per noi di essere finalmente insieme. Non abbiamo nemmeno discutere; sapevamo che era il momento giusto e siamo stati insieme.

Danielle Hark

Quando abbiamo iniziato datazione, è stato difficile per me parlare della mia salute mentale, ma stare con lui mi ha incoraggiato a cercare aiuto, e una volta sapevo come comunicare i miei sentimenti per lui, l’ho fatto. Spesso mi sentivo come se egli sapeva quello che stavo cercando di dire che senza di me dover dire.

Abbiamo datato lunga distanza per il prossimo anno, perché egli era ancora in vita sulla East Coast, e nel 2004, abbiamo guidato cross-country insieme per spostare tutte le mie cose di Nuovo a new Jersey. Ci siamo sposati nel 2007 e ha comprato una casa in una città con una buona scuola, che è stato un importante passo verso di noi di avere dei figli. Le cose stavano andando davvero bene con la mia salute mentale, in quegli anni, in modo che tutti in fila molto bene. Abbiamo fatto delle difficoltà cercando di avere un figlio, ma dopo un anno di tentativi, siamo stati finalmente in grado di avere la nostra prima figlia, Lillian Monet, nel 2010.

Danielle Hark

Dopo aver lei, ho avuto un’emozionante incidente. Per i prossimi due anni, ero in un gravissimo episodio depressivo. Riuscivo a malapena a uscire di casa o di vestirsi o doccia, ma Adam è rimasto con me anche se ho detto di non. Avrei voluto essere con lui, ma anche io non voglio che lui a farsi male, così ho spinto via di nuovo. Egli era molto favorevole e stato in contatto con tutti i miei medici, assicurandosi che eravamo tutti sulla stessa pagina. Lui è stato una parte importante di me che se le mie sfide.

Ho appena avuto la mia seconda figlia di sei settimane fa, Giulietta Cielo. Abbiamo sempre saputo che avremmo voluto un secondo figlio; abbiamo solo bisogno di trovare il momento giusto. Abbiamo deciso di aspettare fino a quando ero in un forte mentalmente. Ho cominciato a vedere un riproduttiva psichiatra, che ci ha visto attraverso l’intero processo, compresa la fertilità sfide molto impegnative gravidanza (tra cui la diagnosi di pseudotumor cerebri e diabete gestazionale), e una sfida di consegna (compreso il tanto sangue perdita ho bisogno di quattro trasfusioni di sangue). Che ne valeva la pena.

Sono così grato che la nostra storia finì il modo che si ha. Anche i difficili giorni in cui mi sento io non sono degno di Adamo amore, sono così contento che abbiamo trovato un nuovo. Mi sento come se avessi datato lui in un college quando ci siamo incontrati, non ci sarebbe stata fatta a dove siamo ora. E ‘ successo quando doveva succedere.

Danielle Hark

Lascia un commento