12 Lesbiche Condividere Le Loro Storie Di Coming Out

Venuta fuori storie sono molto più variegata rispetto a quello che si vede in alcune storie raccontate in televisione e film, quindi Cosmopolitan.com ha chiesto di vita reale lesbiche, per le loro storie di come alla fine è venuto fuori.

Il primo deriva da YouTube stelle Bria e Chrissy:
Chrissy: “sapevo che era il momento di venire fuori dopo che ho avuto una relazione con la mia ragazza Bria per un anno e mezzo. Avevamo deciso di documentare il nostro rapporto su YouTube per sei mesi o giù di lì, e mi sentivo come ho potuto dire alla gente di essere onesti e accettare se stessi, se non stavo anche facendo lo stesso. Avevo saputo che ero gay per diversi mesi ed è stato durante una visita a casa nel Mississippi nel mese di aprile 2013 che sapevo che era giunto il momento. Ho impostato una macchina e uscì dal vivo per la mia famiglia, poi al ritorno a casa ho fatto un video di coming out per il resto del mondo. Bria non sapevo nemmeno che era successo fino a quando il video è stato. E ” stato un enorme peso sollevato dire a voce alta per cui mi sono identificato.”

Bria: “non ho deciso di venire fuori. Sono stato costretto. Quando avevo 16 anni, esco con una ragazza, e il suo papà è cresciuto sospetti di noi, dopo un paio di mesi. Siamo stati ogni altri amori. Egli afferrò per un giorno e disse che non voleva che sua figlia vivono una bugia e se ha mai voluto vedermi di nuovo, entrambi abbiamo dovuto venire ai nostri genitori. Ho pianto e ha detto a mio fratello, che era incredibile, e come si è scoperto la scrittura di articoli per l”uguaglianza del matrimonio per la sua scuola, all”Università di Emory, a destra, prima di venire a lui. Mi ha aiutato a raccontare i miei genitori e per fortuna, entrambi sono stati di supporto.”

2. “Ho capito che ero gay tre giorni nel mio primo anno di college. Circa un mese dopo, ero al telefono con mia madre, che era sull”altro lato del paese, quando non ne potevo piu “non soddisfare qualsiasi carino ragazzi ma che domande, in modo che l”impulso del momento, ho detto, “Mamma, ho qualcosa che devo dirti … io sono gay.” E tutto quello che ho sentito dall”altro lato era un profondo sospiro, e poi mia madre ha detto, “Beh, non proprio un sacco di giacche.”” —Cassidy, 23

3. “Avevo solo 15 anni ed era abbastanza sicuro che la prima ragazza che ho mai avuto è stato il grande amore della mia vita. Lei era fuori per la sua famiglia e si è costantemente dirmi che dovevo uscire per la mia. Avevo paura del rifiuto da parte dei miei genitori e due fratelli. Il terrore di sentirsi emarginato dalla gente che mi ha cresciuto è stato inquietante fino al momento in cui l”ho fatto. Ho detto loro, uno per uno, con risultati sorprendentemente positivi. La mia ragazza, al momento mi ha scritto lettere d”amore e spedire per posta a casa mia, che mi ha dato un”idea di come mi sarebbe venuto l”ultima persona nella mia famiglia, mia madre. Le ho chiesto per mail la mia lettera, per me, sapendo che lei ha lavorato al fianco di un ufficio postale e sarebbe dare un”occhiata e vedere che cosa c”era di mailing. Io a mano, ha scritto una lettera esclamando come in amore sono stato con questa ragazza e come essere gay si sente proprio così giusto per me, come quando ero con lei, sapevo che era la mia zona di comfort. Sono andato su e su, dicendo che se non ho potuto essere gay quindi potrei non essere felice (no pun intended). In fondo la lettera che ho scritto, “P. S. Ora, tu sai che io sono gay, mamma.” La sua risposta non è stato piacevole come il mio patrigno o dei fratelli e delle sorelle. Nel corso del tempo ha cresciuto e mi apprezza per quello che sono e non per quello che l”ho data. Essere gay non è qualcosa che ho scelto di essere, ma io ho scelto di essere felice.”—Taylor, 24

4. “Avevo 14 anni e con un mio grande amico in junior high school. Abbiamo deciso di andare al gay pride. Al gay pride, ho chiesto a un hennè signora di mettere un simbolo di due donne insieme sul mio braccio. Quella sera, seduto di fronte a mia zia, ho preso il mio maglione off, dimenticando il mio tatuaggio. Due minuti più tardi, mia zia è caduto dal divano e mi ha chiesto se sapevo quello che avevo sul mio braccio. Lasciar andare la paura, mi guardò negli occhi e disse: “Sì, Zia Maria, io sono lesbica.” Lei mi ha detto che non potevo avere ragazze per trascorrere la notte, ma lei mi ama.” —Ebano

5. “Ero al liceo e avevo un amico che aveva bisogno di un “coperchio” qualcuno ha detto che la sua famiglia era sempre con quando, in realtà, era con la sua ragazza. Ero il coperchio. La mia mamma è stata anche la copertina. Se i suoi genitori chiamato a casa mia, abbiamo avuto una storia. Questo non era un problema per me, perché io non ero gay. Siamo stati amici. Ero fresco con il coperchio. Ma, come il passare del tempo, abbiamo avuto conversazioni telefoniche sulla prossima bugia che aveva bisogno di me per dire ai genitori, abbiamo stabilito di più di un”amicizia. Alla fine era davvero trascorrere del tempo a casa mia. Siamo stati al centro commerciale insieme. Era davvero si fermano per la notte. Poi una sera il nostro telefono di casa squillò. Questo è stato durante un tempo in cui i telefoni cellulari erano un lusso che la mia famiglia non poteva permettersi. Ovviamente, essendo una studentessa di liceo, il telefono non sul caricabatterie e così è accaduto di essere nella mia stanza. La mia mamma è venuta nella mia stanza per rispondere al telefono. Ci sono stato, coccolato fino a letto con questa ragazza. La mia mamma è al telefono e a sinistra. Non ha mai fatto alcuna domanda. Non ho mai offerto alcuna risposta. È successo e basta. Sono caduto nell”amore con questa ragazza. Io sono ancora in amore con questa ragazza.” —K. L.

6. “In qualche modo, ho due storie. Quando avevo 25 anni, finalmente ho confessato al mio migliore amico, che ero interessato a lei e abbiamo iniziato a frequentarci. Ho chiamato i miei genitori. Mia mamma ha risposto e non appena le ho detto, tutto quello che potevo sentire era, “Ken, Jennifer sul telefono”. Mio padre ha sulla linea e ha detto, “lei Può venire per il Ringraziamento?” A quel punto ho pensato di essere bisessuale e, anche se non ho fatto nessun tipo di pronunciamento, ho detto a chiunque voglia ascoltare. Ma io non mi identifico come bi. Io sono lesbica, e questa volta, ho sentito un forte bisogno di essere molto pubblico di venire fuori. Così ho scritto un saggio su di esso che è stato scelto per essere una parte di una narrazione serie qui a Dallas. E di fronte a un sacco di casa al Wyly Teatro, tra cui la mia ragazza (che mi era stato datazione per circa un mese, a quel tempo), mi ha detto le parole, “io sono lesbica.” Non l”avrei sentito più orgoglioso o il potere. Il Coming out è molto personale. Ma ritengo anche che è altamente politico e volevo che il mio coming out non solo di dire che sono lesbica, ma anche che io sono qui e io sono una forza da non sottovalutare e da ora in poi, sarà visibile e devo dire che le parole per chi non può.” —Jenny, 44

7. “Mi aveva dato alla luce il mio ultimo bellissimo figlio di Giosuè, di vivere con il mio fidanzato di lunga data e i miei altri due figli da precedenti tentativi di” etero-normalità.” Durante la maggior parte delle relazioni con gli uomini, ho avuto segreto mini affari, non gli uomini ma anche le donne, e NO … non ho sentito nessun senso di colpa. Avevo conosciuto ai tempi di ” vuoi giocare a casa,” poste da coloro vecchio vicino di ragazze, che sempre designato come me “papà,” ho amato le donne, ma sapevo che non avrei mai potuto dire che a voce alta. Fast-forward di 18 anni, quando la serie come The L Word in anteprima su Showtime, la notte di domenica è diventato il mio rifugio sicuro. Sono sicuro che altre mamme come me anche vissuto indirettamente attraverso di Beth e Tina. Come ho iniziato pattinaggio tre notti a settimana, ho fatto amicizia con un gruppo di ragazze che erano tutte lesbiche e sono diventato felice. Ci sarebbe svignarsela per feste a West Hollywood, ho finalmente fatto la mia prima ragazza ai tempi del liceo, e ho avuto anche essere onesti e dire al mio uomo dolce, “sto uscendo e non posso essere che voi e il mondo mi vuole più.” Infine, sono stato in grado di essere chi ero: felice, amante del divertimento, tenendo il mondo con le sue orecchie, urlando ad alta voce, al mio primo L. A. Orgoglio, “io SONO LESBICA!” Non importa quanto ero spaventato o che ho perso amici o la mia famiglia è girato su di me o PTA genitori a smettere di parlare di me, non mi importava. I miei bambini è piaciuto e mi è stato che ho avuto da quando avevo 9-anno-vecchia ragazza in amore con Amanda, con i suoi capelli rossi, gli occhi verdi e le lentiggini. Due anni dopo, nel 2007, ho incontrato il mio incredibile, divertente, dolce metà Yolanda, che legalmente sposati nel 2013, e abbiamo quattro figli meravigliosi.” —Shay, 40

8. “Crescere in una rigorosa Ispanica a casa, dove la parola lesbica non è mai stato utilizzato è stato andando essere difficile da rompere per i padres. Durante una riunione di famiglia con tutti i presenti, ho capito, cosa c”è di meglio di tempo di rompere loro? Sapevo che questo era il mio momento. Mi sono seduto giù e ha detto, “Guarda, sei fiero di me?” e hanno detto, “Sì”, e ho chiesto loro se erano felici con me e hanno detto, “Sì”, e ho detto, “Beh, io non sono di tenervi con il fiato sospeso più. Io sono lesbica e niente sta per cambiare”. Mia mamma ha iniziato a piangere, ma sapendo che lei è in pubblico, ha cercato di contenere in sé. Perfetto, giusto ? Mio padre aveva una statua in faccia, ma si è alzato mi ha abbracciato e ha detto che mi amava. Non era una favola, naturalmente. Ho avuto alcune letture bibliche, ma dopo quel giorno, non ho cura quello che è stato detto su di me, perché io sono venuto direttamente a loro e che è tutto ciò che contava. Il Coming out non sarà mai facile, ma solo assicurarsi che non ve ne pentirete, perché non sarà mai come il film.”—Alisha, 31

9. “E” stata Dic. 25, 2006. Ero a casa per la pausa invernale dal mio primo anno al college, e mi aveva fatto un patto con alcuni miei amici che ci sarebbe ogni escono per le nostre famiglie. Andare al cinema, la notte di Natale è uno dei miei alla tradizione di famiglia. Al cinema, due file sotto di me, di sinistra, di una coppia gay, e mi ricordo che mio fratello scherzarci su di loro. Un interruttore è andato nel mio cervello, e la rabbia pervase il mio corpo. Ero stufo di sentire il commento come il fatto che negli ultimi 14 anni e non dire nulla. Durante il viaggio di ritorno a casa, con le lacrime agli occhi, mi stava fumando e sopraffatti. In quel momento, sapevo che avrei dovuto venire. Quando siamo arrivati a casa, andai subito in camera mia. Ho chiuso la porta, si sedette sul pavimento, in un angolo accanto al mio letto, e ho iniziato a piangere. La mia rabbia acceso per paura. Ho iniziato a chiamare diversi amici, sperando mi piacerebbe sentire qualcosa che mi avrebbe dato il coraggio di uscire per la mia famiglia. Uno dei miei amici era venuto fuori un paio di mesi prima, e la sua famiglia rinnegato il suo. Ero al telefono con lei, cercando di mantenere la mia voce insieme, e lei mi ha detto che potrebbe essere OK. Come ho sentito i miei fratelli si preparano a partire per i loro amici, le case, sapevo che la mia finestra di opportunità è stato di chiusura. Fu in quel momento. Ho riattaccato il telefono, aprire la mia porta della camera da letto, camminato lungo il corridoio verso la cucina con la mia testa, e cominciò a piangere. Tutta la mia rabbia sinistra. Tutta la mia paura di sinistra. Mi sentivo esausto, sconfitto, e vulnerabile. Tra singhiozzi, ho detto, “io sono gay.” Le conseguenze: ho avuto più sostegno di quanto ho capito, che comprendeva un coming-out party, un arcobaleno dipinto di bicchieri di vino, torta arcobaleno, e un coming-out CD con Diana Ross” “sto uscendo Fuori.”” —Emelina

10. “Purtroppo per me, mi era saltata a causa di mia mamma da un scontenti ex. Mia mamma non ne era entusiasta, al momento, e ci sono voluti un po ” di tempo in giro. Sapevo che alla fine ho bisogno di dirlo a mio padre. Sono andato dai miei genitori una notte ed è stato a parlare con loro. Mia mamma mi ha chiesto se avevo qualcosa da dire a loro. La mia risposta è stata ” Oh, vuoi dire che sono gay?” Mio papà mi ha chiesto alcune domande e che è stato. Lui poi mi ha camminato per la mia auto, mi ha dato un abbraccio e disse: “Tesoro, non importa cosa, tu sarai sempre la mia bambina.” Dieci anni più tardi, i miei genitori sono entrambi molto coinvolti nella mia vita e stanno aiutando la mia futura moglie ed io piano il nostro matrimonio in questo mese di agosto a Indianapolis”. —Carissa, 31

11. “La vita sembra sempre lanciare curveballs e che è esattamente quello che è successo nella mia vita che mi ha aiutato a decidere che era tempo per me di uscire e di essere veramente felice. Il mio curveball è venuto sotto forma di un incidente subacqueo 10 anni fa, che ha provocato in me di essere confinato su una sedia a rotelle. Sono una donna nei miei primi anni ” 20, di fronte a tutti i tipi di decisioni su come stavo andando a vivere la mia vita, che di per sé è un carico pesante. Poi, lanciando una sedia a rotelle nel mix e cercare di affrontare il fatto che stavo andando a prendere la mia vita come un libro, mi ha fatto scavare in profondità per forza e lo scopo. Volevo essere felice, e ho saputo che ha iniziato con a non vergognarsi di ciò che ero. Circa due anni dopo il mio incidente, ho incontrato Carissa, una donna che è stata una forza trainante dietro la mia decisione di venire fuori. Ha aperto i miei occhi e mi ha aiutato a trovare il coraggio che avevo cercato di afferrare per anni. Mi sono innamorata di lei e sapevo che non c”era più tornare indietro. Il momento in cui ho deciso di venire fuori, ho chiamato il mio migliore amico, Stacy, e ho pianto. Ho pianto perché ho avuto paura e sollievo di tutti in una volta. Tra i singhiozzi e sniffling mi ha detto circa Carissa, e io le ho detto che non poteva tenere un segreto in più. E ” stato un grande pasticcio caldo di emozioni, ma si sentiva così a liberare. Curveball no. 1 e ” stata dura, ma penso di aver gestito abbastanza bene. Curveball no. 2 è venuto poco dopo ho incontrato Carissa. Non ero ancora venuto fuori a chiunque, ma Stacy, ma ho voluto Carissa incontrare i miei amici e la famiglia … soprattutto la mia migliore amica Stacy. Carissa fatto venire e visitare, e, naturalmente, tutti la amavano! Mentre Carissa era in visita da me, lei è caduto nell”amore … non solo con me. Stacy e Carissa sono stati in amore, i minuti, i loro occhi si incontrarono; solo che non era a conoscenza di esso. Quando il mio intuito prendere a calci, ho chiesto Stacy su di esso e lei mi ha raccontato tutto. Ero disperata, e che curveball sentito come mi ha colpito a destra nell”intestino. Abbiamo parlato di tutto quello che di notte ho scoperto, e che ha portato per come sono venuto a miei genitori. La mia mamma e papà sentito la mia conversazione con Stacy, a causa di un citofono che è in camera mia per motivi di sicurezza a causa della mia paralisi. Sapevo che il citofono, e sapevo che si poteva sentire tutto quello che mi stava dicendo. Qualcosa è scattato la notte e non avevo più paura di uscire. Sapevo che i miei genitori avrebbero capito, e lo hanno fatto. La mattina seguente, mi svegliai mia madre che abbraccia me e semplicemente dicendo: “io ti amo e voglio solo che tu sia felice.” Sono giunto alla decisione che non avevo intenzione di perdere il mio migliore amico, e Stacy rifiutato di lasciare che la nostra amicizia cadere attraverso le fessure. Stacy e Carissa sono stati insieme per sette anni, e sono sposato da un paio di mesi. Anche io sono in amore con una donna stupenda, e facendo la mia damigella d”onore doveri per Stacy e Carissa … Due dei miei migliori amici e due belle donne che appartengono insieme. Vita ha lavorato. Curveball no. 2 è stato un po ” difficile, ma ho fracassato che fuori dal parco!” —Annie, 32

12. “Sono cresciuto in una piccola chiesa Battista del sud di Dallas, negli anni “70. Mi ricordo che ero seduto accanto a mia madre in chiesa nel 1976, aggrappato a lei, terrorizzata e silenziosamente a piangere. Stavo guardando un film con tutta la congregazione in cui le persone sono state bruciando all”inferno per essere omosessuale. Non dimenticherò mai l”immagine di fusione di carne e grida disperate. A 5 anni, ho deciso che mi sarebbe mai venuto fuori. Ero completamente infelice di vivere una vita che è una menzogna, facendo finta di essere etero, fino a quando ho incontrato Alba, di un nuovo collaboratore, quando avevo 18 anni. Abbiamo avuto vulnerabili e aperti conversazioni che ha fornito la speranza che io possa un giorno trovare me stesso. Alba vissuto apertamente lesbica vita e mi ha mostrato che era possibile, così ho trovato il mio coraggio attraverso i suoi occhi. Era il 1991 e ho 19 anni. Ero seduto nel sedile del conducente di mia mamma blu Buick berlina, mentre mia mamma era nel sedile del passeggero. Siamo stati al di fuori del suo migliore amico dalla chiesa a casa. In quel momento, ho deciso che era ora di mandare in frantumi la chiesa di vincoli, ed ero disposto a rischiare di bruciare all”inferno per la mia libertà. Il pensiero di un altro sermone, una più parlare di me incontrato l”uomo dei miei sogni, e un giorno in più di vita di questa bugia è appena esplosa nella mia mente. Tutto quello che riuscivo a pensare era che doveva essere ora o mai più. Avevo bisogno di uscire prima ho perso il mio coraggio di essere libero. Mi girava la testa, il mio cuore batteva forte, e ho pensato di vomitare. Io sbottò: “Mamma, io amo le donne, e io sono stanco di nascondersi.” Credo che la mia anima ha scelto questo momento per uscire allo scoperto.” —Dina, 44

Lascia un commento